Diario di una appassionata di candele (e altro)

16299105_10155793697884535_4705597038561525091_n

Uno degli stereotipi dell’idea di hygge è senza dubbio l’uso delle candele. Questo è inevitabile: pare che i danesi siano tra i primi consumatori di candele – e non mi stupirei, pensando all’atmosfera di calma e benessere che una candela accesa può creare in casa.
Se alla luce poi aggiungiamo anche un buon profumo, da scegliere secondo l’umore del momento (o secondo l’umore che vorremmo avere in quel momento!) direi che la combinazione perfetta è subito trovata.

Io ho riscoperto l’amore per le candele da qualche anno, diciamo prima che comparisse una Yankee Candle in ogni video o blog di qualsiasi influencer web. In effetti da brava pecora nera adesso sono persino seccata nel vederle usate come oggetto “di moda”, e sebbene ci siano fragranze che adoro, mi sto interessando anche ad altre marche magari meno famose ma ugualmente buone, se non di più. Detto ciò, a chi dice che questo tipo di candele “sono come tutte le altre”, “tanto vale prendere una candela dell’ikea”… beh no, la differenza c’è e si sente, e il prezzo decisamente altino poi è giustificato da una resa conseguente. Materiali di qualità, profumazioni durature, stoppini doppi fanno la differenza.

Il profumo che mi invade la stanza è una coccola a cui non so più rinunciare, si sposa sempre a momenti di calma, alla fine della giornata, ai weekend rilassanti. Sempre e solo candele? Assolutamente no: quelle le riservo alle giornate di riposo, alle lunghe serate tranquille. Nel quotidiano quello che uso sempre in realtà è un bruciatore elettrico in cui sciogliere le tartine di cera – molto più veloce e comodo!

14291668_10155225523159535_3210299293129500699_n

Una delle mie coccole preferite di questo periodo infatti è lo scegliere ogni giorno una fragranza che mi accoglierà al rientro a casa: scelgo tra le tart accumulate, preparo il bruciatore che ho messo su timer, e così mentre sto tornando a casa si accende e scalda la cera, facendomi trovare la casa profumata al mio rientro. Sarà una piccola cosa, ma posso dire che l’adoro?

Non è farina del mio sacco: ho letto questa idea su facebook, ed ho subito deciso di metterla in pratica. Già preferivo il bruciatore elettrico a quello classico con la tealight (molto più pratico, e secondo me rende anche meglio a livello di profumo per la diffusione uniforme del calore), ma con l’aggiunta di un semplicissimo timer dell’Ikea (non amerò le loro candele, ma amo l’Ikea!) diventa qualcosa di speciale.

In realtà mi ero “convertita” al bruciatore elettrico per due motivi fondamentali: le giare devono bruciare qualche ora consecutivamente per consumarsi in maniera uniforme, e con i miei orari sballati era quasi escluso che potessi accenderle di sera in settimana; il bruciatore invece è pronto in un attimo e può essere spento anche dopo poco tempo  – al limite la cera della melt avrà ancora olii e sarà riutilizzabile! In più c’è il fattore economico: le tartine di cera costano 2, 3 euro. Le giare grandi quasi 30. Per provare fragranze nuove (la candela accesa o la tart sciolta danno un altro risultato olfattivo rispetto alla cera fredda) sono molto più disposta a spendere un paio d’euro, piuttosto che 30!

Il weekend però è assicurato che mi troviate con una candela accesa, la stanza profumata e un pò di musica (o Netflix) in sottofondo: saranno un po’ clichè, ma fanno stare bene! Amo i profumi dolci, speziati e “coccolosi” d’inverso, mentre ora che ho voglia di primavera cerco fragranze fresche, allegre e rilassanti. Come per i rossetti, se un brand mette fuori produzione una fragranza che mi piace, inizio a cercare dupes nelle altre marche (sì, tutto il mondo è paese e le maniache di candele e quelle di make up si assomigliano!) o faccio scorta – come testimonia il mio scaffale pieno di Ginger Dusk e A Child’s Wish.

Le candele – ed i loro profumi – sono diventate una parte integrante della mia “routine di serenità”: a volte bastano piccole cose, no?

Advertisements

One comment

  1. Leggere i tuoi articoli è davvero rilassante…e indovina un po’ cosa ho accesso prima di iniziare la lettura? Una candela. Io le ho sempre adorate, anche l’incenso a dir la verità, creano atmosfera, con i loro profumi ci riportano alla mente tanti ricordi; puoi decidere se accendere una candela per rilassarti oppure sceglierne una dal profumo frizzante per iniziare bene la giornata. Un abbraccio Vale

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s